Il suono non esiste, è una sensazione creata dal nostro sistema uditivo e non rappresenta completamente la realtà attorno a noi. Sentiamo frequenze da circa 100 Hz a circa 15000 Hz, ma altri animali sentono in modo diverso e usano infrasuoni e ultrasuoni per noi inaudibili per comunicare e per investigare l’ambiente circostante. I pipistrelli sono piccoli mammiferi volanti e cacciano nella completa oscurità, usando gli ultrasuoni, per noi inaudibili, per “vedere” prede e ostacoli; la storia di Spallanzani ci mostra gli esperimenti che nel 1700 aprirono la strada a una ricerca affascinante che si è conclusa dopo oltre 200 anni.

Il prof. Gianni Pavan, docente di bioacustica ed ecoacustica all’Università di Pavia, ha condotto il pubblico in un viaggio sonoro fra bramiti di cervi, canti di balene, richiami di assioli e cacce notturne di pipistrelli attraverso inedite registrazioni che hanno ispirato una nuova percezione ed opportunità di comunicazione con il mondo esterno.